Approvata come Legge regionale 20 gennaio 2017, n. 5, vuole riscoprire una coltura a bassissimo impatto ambientale, radicata nella tradizione campana che consente svariati usi biocompatibili tesi a sostituire materiali più inquinanti.
X

0